Alghero cosa vedere in poco tempo

Se avete la fortuna di trascorrere una vacanza nella Riviera del Corallo e vi state chiedendo cosa vedere ad Alghero, vi diamo una buona notizia: avete solo l’imbarazzo della scelta.

Il territorio di Alghero è infatti ricco di bellezze naturali, spiagge straordinarie e luoghi dove trascorrere momenti indimenticabili. Tutto questo a partire dal centro storico di Alghero, una città unica, a misura d’uomo, abbracciata dai bastioni che ne contornano iil centro storico e costellata da locali di ogni tipo, negozi di souvenir, botteghe di prodotti tipici.

Cosa fare in questo luogo durante la vacanza non quindi mai un problema; semmai potrebbe esserlo scegliere accuratamente cosa vedere ad Alghero. Per questo abbiamo preparato una lista di consigli che potranno tornarvi utili per ottimizzare i tempi e trarre il massimo dal vostro soggiorno.

Cosa vedere ad Alghero?

Ovviamente la risposta a questa domanda dipende da molti fattori; quanto tempo avete? In che stagione state visitando Alghero? Amate più tranquillità e natura oppure siete dei tipi alla costante ricerca della movida? Che tempo fa oggi? Non preoccupatevi: ad Alghero esiste sicuramente qualcosa da fare e da vedere in qualsiasi situazione!

Cosa vedere ad Alghero in un giorno

Se vi capita di passare di qui e vi state chiedendo cosa vedere ad Alghero in un giorno, dovete ben ponderare gli spostamenti e l’organizzazione della giornata. Qualche consiglio per la vostra giornata ad Alghero? Innanzitutto partiamo col dire che, per questioni pratiche, vi consigliamo di dividere la giornata in due momenti distinti: il mare al mattino e altre attività al pomeriggio. Questo vi permetterà di avere un assaggio discreto di quello che il territorio algherese ha da offrirvi, permettendovi anche di non stressarvi troppo e di riuscire ad organizzare la vostra ripartenza in tutta calma.

Cosa fare la mattina

Se alloggiate in centro città, potete organizzare la vostra mattinata al mare direttamente al Lido di Alghero, in modo da non perdere troppo tempo per gli spostamenti. Se invece avete noleggiato un’auto o volete spostarvi con i mezzi, vi consigliamo di non perdervi una vera perla della nostra zona: la spiaggia Le Bombarde, situata poco dopo Fertilia, a circa 10/15 minuti d’auto da Alghero. Si tratta di una stupenda spiaggia con sabbia bianca e finissima, servita da bar e ristoranti in cui godere anche di un comodo pranzo in riva al mare.

Se la vostra intenzione invece è quella di rientrare in centro per pranzo, avete solo l’imbarazzo della scelta: date un’occhiata alla nostra selezione di ristoranti ad Alghero.

Cosa fare di pomeriggio

Vi consigliamo quindi di organizzare il pomeriggio dividendolo in due momenti: la prima metà, dedicata ad esempio ad una visita presso un’azienda agricola del posto, magari per acquistare dell’ottimo vino locale, oppure visitando un museo o un luogo di interesse storico culturale.

Da valutare anche la possibilità di avere una esaustiva carrellata delle principali cose da vedere ad Alghero grazie ad un divertente giro sul Trenino Catalano, attrazione che piace non solo ai più piccoli e che vi permetterà di scoprire un po’ di storia della città.

La seconda parte del pomeriggio è il momento ideale per un po’ di shopping tra le mura di Alghero, passeggiando sui bastioni da cui potrete godere di una vista straordinaria sul mare antistante e sul “gigante” che protegge la città: il promontorio di Capo Caccia.

Man mano che il pomeriggio diventa tardo, verrete inevitabilmente attratti da uno dei tanti bar e locali che costellano il centro di Alghero ed i bastioni: un’aperitivo vista mare è il modo migliore di salutare la splendida Alghero e prepararvi alla ripartenza.

Cosa vedere ad Alghero in tre giorni

Se la vostra visita ad Alghero è leggermente più lunga, diciamo di circa tre giorni, le cose si semplificano parecchio. Avrete più tempo per approfondire la conoscenza del territorio di Alghero e dintorni, senza dover guardare costantemente l’orologio, pratica sgradevole soprattutto quando si è in vacanza.

Sicuramente per il vostro soggiorno prolungato sulla Riviera del Corallo possiamo pensare di riproporre alcune delle attività essenziali già citatate qui sopra; ad esempio, la classica passeggiata sui bastioni di Alghero e del tempo di qualità in una delle meravigliose spiagge di Alghero e dintorni (qui le nostre preferite). Con un po’ più di tempo a disposizione è d’obbligo però riuscire ad organizzarvi per vedere alcune delle attrazioni locali più imperdibili a cui non dovreste rinunciare per nulla al mondo.

In prima battuta, non potete esimervi dal visitare le Grotte di Nettuno, vero patrimonio del territorio di Alghero e di tutta la Sardegna in generale. Sta a voi decidere come farlo: alle meravigliose Grotte di Nettuno si può infatti accedere sia via terra, dalla cima del promontorio di Capo Caccia, che via mare, tramite il servizio di battelli che parte direttamente dal porto di Alghero. In entrambi i casi, ne vale assolutamente la pena.

Durante i vostri tre giorni ad Alghero, prendetevi una pausa della spiaggia e dal mare concedendovi un tuffo nella storia visitando il Complesso nuragico di Palmavera, che vi permetterà di cambiare letteralmente epoca per qualche ora.

Se invece volete concedervi una passeggiata nella natura, vi consigliamo di dare uno sguardo al Lago Baratz e ai tanti percorsi che vi passano attorno. Il Lago Baratz è l’unico lago naturale della Sardegna, circondato da sponde sabbiose e da una ricca flora. E’ possibile circumnavigarlo tutto in 2h 30′ circa di cammino.

Permetteteci anche di darvi un consiglio culinario: se il vostro soggiorno ad Alghero è più lungo di un giorno, non potete esimervi dal recarvi presso uno dei tanti rinomati agriturismi che si trovano soprattutto nelle campagne circostanti la città. Li potrete gustare la tipica cucina sarda di una volta, con ingredienti genuini e semplici, oltre che provare il piatto di carne simbolo di questa terra straordinaria: il mitico porceddu. Attenzione: prendetevi i giusti tempi, perché in genere i pasti in questi agriturismi sono abbondanti e la digestione richiede un po’ più di tempo prima di darvi il via libera per il prossimo bagno al mare!

Cosa fare ad Alghero quando piove

Una giornata in una località di mare può essere incredibilmente breve se vissuta intensamente, ma anche incredibilmente noiosa se ad esempio piove o troviamo brutto tempo. Ci sono però molte cose da fare ad Alghero quando piove o quando il mare è un po’ arrabbiato e non vuole proprio farci rilassare in spiaggia.

Se amate la cultura e la natura, anche rimanendo in centro ad Alghero avrete modo di visitare le chiese che vi sono situate, ammirandole in tutto il loro splendore. Un altro luogo affascinante da visitare ad Alghero quando piove (ma non solo) è il Museo del Corallo, che espone la risorsa naturale più caratteristica di Alghero e che con il suo colore rosso traccia inevitabilmente una linea caratteristica nel molti negozi di gioielli e di souvenir del centro città.

Per gli amanti della natura e soprattutto della fauna marina, è d’obbligo una visita all’Acquario di Alghero, situato nel cuore della città, dove si possono ammirare svariate specie di pesci ed animali acquatici.

Se invece avete un’auto e potete muovervi tranquillamente, avete più opzioni a vostra disposizione: ad esempio potreste prevedere una visita alle cantine Sella e Mosca, rinomati produttori vinicoli di Alghero famosi in tutto il mondo. Oppure spingervi fino a Sassari, dove si possono visitare i grandi centri commerciali, meta dello shopping più sfrenato.

Scegliere con anticipo cosa visitare ad Alghero

Come avete visto, le cose da fare ad Alghero sono sicuramente in grado di soddisfare ogni gusto e ogni situazione. Sicuramente l’ideale sarebbe soffermarsi almeno una settimana per poter esplorare questa splendida area della Sardegna con la dovuta calma. Sicuramente però, pianificando a dovere le vostre giornate, riuscirete a vivere delle magnifiche esperienze anche con poche ore a disposizione.

La città di Alghero e il territorio circostante vi aspettano!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *